0

Abbiniamo il dolce al vino. Ma c’è dolce e dolce!

  • Abbiniamo il dolce al vino. Ma c’è dolce e dolce!

Con un dolce va assolutamente abbinato un vino dolce e non un vino secco!
Si, facile! Ma noi siamo sommelier e vogliamo andare oltre, perchè c’è dolce e dolce. Ecco allora cosa bere con i dolci durante queste feste.

Come abbiamo letto in un precedente articolo la scelta del vino da abbinare ai dolci avviene sempre per concordanza quindi abbiniamo sempre a un dolce un vino dolce. Però per le  diverse  sensazioni che ha ciascun dolce non è possibile dare una definizione generica del vino da abbinare.

Il dolce arriva a fine pasto prima di ‘sparecchiare’, liberare la tavola, cioè di diservire e così dal francese ‘disservir’ arriva la parola dessert.

Siamo prossimi al Natale, per il classico panettone, prodotto lievitato e asciutto e che richiede molto liquido perchè spugnoso, abbiniamo un fresco Moscato d’Asti o un Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene extra-dry, meglio se Superiore di Cartizze, comunque non troppo secco. A dolci secchi come i biscotti, cantucci o il tipico panforte, abbiniamo passiti più strutturati.

Ecco alcune regole per un abbinamento perfetto!

Abbinamento Vino-Dolci da forno

Che possono essere a pasta lievitata nel nostro caso il panettone i croissant, oppure non lievitata come la pasta sfoglia. Inoltre bisogna tener conto  delle differenze tra dolci ricchi di creme, con la frutta, al cioccolato, caldi o freddi.

Dolci lievitati:

Dolcezza, succulenza e aromaticità se con frutta come panettonepandoro, brioche, pasta a Savarin, pan di Spagna, abbiniamoci vini spumanti dolci, morbidi, freschi, poco alcolici e con profumo intenso come uno spumante Asti Moscato.

Spumante Asti Dogliotti Docg La Selvatica

Uvaggio: Moscato.

Colore: giallo paglierino carico, quasi dorato.

    Profumo: aromatico, complesso, intenso.

    Dolci non lievitati:

    Percettibile ancora di più la dolcezza, aromaticità e speziatura meno la succulenza. Pasta brisè , biscotti secchi, pasta frolla, pasta sfoglia, pasta di mandorle.

    Con farcitura alla frutta e tendenza acida percettibile, abbiniamo vini bianchi dolci dal profumo abbastanza intenso, morbidi e solo abbastanza freschi, invece se il frutto è meno dolce abbiniamo un vino bianco leggermente aromatico, fruttato e fresco. vini dolci mediamente effervescenti e profumati, come un brachetto.


    Spumante Bersano Brachetto Piemonte

         Zona di produzione: Nizza Monferrato.

        Uvaggio: Brachetto 100%.

        Colore: rosso brillante di media intensità.

        Profumo: caratteristico dell’uva Brachetto con sentori di rosa aperta e piccoli frutti rossi.

        Gusto: delicato, dolce e persistente con piacevoli note di fragola.




    -Dolci con farcitura alla marmellata o crema:  si può abbinare un vino bianco passito, con bouquet intenso, caldo e fresco, vini mediamente morbidi e dolci come il Recioto.


    Pieropan Recioto Le Colombare



    Zona di produzione: Verona.

    Uvaggio : 100% Garganega.

    Profumo : pieno e nobile. Ad attento ascolto sentori di frutta matura, in particolare la mela cotogna e l’albicocca appassita.

    Gusto : dolce con molta compostezza, morbido e caldo.

    Colore : giallo dorato, pacioso, consistente e brillante.


    -Pasta di mandorle vini passiti molto caldi e di grande struttura come un passito Albana di Romagna


    Fattoria Zerbina Albana Passito Docg Arrocco


    Uvaggio: 100% Albana.

    Zona di produzione : Frazione Marenzo,Faenza.

    Vinificazione: uve vendemmiate tardivamente e attaccate dalla muffa nobile.

    Affinamento: 12 mesi, in parte in barrique di rovere francese e in parte in acciaio.

    Colore: giallo dorato.

                      Profumo: note floreali e agrumate e sentori di mele, albicocche, fichi secchi e miele.

                       

    -Dolci al cioccolato abbinamento complesso, il sapore del cioccolato è forte e intenso e tende a sovrastare quello del vino per l’elevata percettibilità. Il vino che abbiniamo può essere un passito un liquoroso, morbido, caldo, complesso ma allo stesso tempo abbastanza fresco, sapido, di corpo o robusto persistente. Consigliamo Ala Amarascato.


    Corvo di Salaparuta Ala Amarascato 

    Colore: rosso granato con riflessi ambrati.

    Profumo: intenso, etereo, con netti sentori di marasca e ricordi di mandorla.

    Temperatura consigliata: 12° - 15° C.

    Abbinamenti gastronomici: tipico da dessert e particolarmente gradevole con dolci al cioccolato e alla mandorla.


    Abbinamenti Vini-Dolci al cucchiaio

    Parliamo di dolci per i quali si usa il cucchiaio e possono essere caldi o freddi, come gelati, semifreddi, budini, soufflè. Per i dolci freddi, come il gelato si tenga presente che il freddo anestetizza le papille gustative e rende impossibile qualsiasi abbinamento al vino, così sarà necessario un vino che venga servito a una temperatura non molto bassa.

     -Gelati e semifreddi: sempre un abbinamento molto difficile  abbiniamoci un buon moscato che ha un buon tenore zuccherino, magari a una temperatura non eccessivamente fredda.


    Donnafugata Kabir Moscato Pantelleria



       Uvaggio: Zibibbo (Moscato).

       Colore: giallo paglierino brillante con nuance dorate.

       Profumo: bouquet fragrante con note fruttate di pesca ed agrume unite a fiori bianchi (zagara e gelsomino) vivacizzate da sentori di macchia mediterranea.

       Gusto: la bocca è vibrante grazie alla fresca acidità e alla piacevole vena minerale che bilanciano la gradevole dolcezza

       Gradazione alcolica: 11,55 % vol.

                   Temperatura consigliata: 12°C.

    -Dolci caldi: la temperatura del vino deve essere due tre gradi superiore a quella indicata, per sostenere la sensazione ‘pseudocalorica’ di queste preparazioni.
    I vini indicati per questi dolci devono quindi essere bianchi, aromatici, molto fruttati e con sentori di spezie, morbidi e abbastanza freschi. Creme caramel, creme brulée, crema catalana, bavaresi vini bianchi freschi, sapidi e di buona struttura, si sposano bene con un Florio Morsi di Zibibbo.


    Florio Morsi Di Luce Zibibbo Igp


    Zona di produzione: Isola di Pantelleria.

    Uvaggio: 100% uve Zibibbo.

    Profumo: intenso e armonico, con sentori di albicocca, fiore di sambuco, nocciole tostate.

    Gusto: pieno, morbido e vellutato, sentori di miele d'acacia, scorza di cedro, sambuco e salvia.

    Temperatura consigliata: 10-12°C.

    Gradazione alcolica: 15,5%Vol.


    Sommelierdellasera  Daniele


    Buon Abbinamento e Buone Feste dai  Sommelierdellasera!




    Commenti

    Scrivi un commento